Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Specialista nella sorveglianza e controsorveglianza elettronica…

Chief Technical Officer Audio Video Surveillance Equipment

Francesco Polimeni, Amministratore Unico della Polinet srl –                                   via Adolfo Albertazzi, 25 – Roma

Ex agente della Polizia di Stato, adesso tra I maggiori esperti di tecnologie anti-intercettazioni, nonchè commentatore e critico in ambito sicurezza.

E’ intervenuto come docente durante il seminario svoltosi sabato scorso (18-09-2010) a Roma presso l’Aula Magna, in via Statilia 30 – Divisione del Personale – della Polizia di Stato.

Seminario voluto dall’ International Crime Analysis Association I.C.A.A. rinomata associazione no-profit con sede a Roma e in diverse città italiane, nonchè anche all’estero.

L’ ICAA focalizza l’attenzione su tematiche  psicologico-giuridiche e criminologiche, nonchè sulle forme di criminalità emergenti.

Il binomio tra l’ Associazione ICAA e l’esperto Polimeni, sicuramente è costruttivo sia da un punto di vista prettamente professionale che di crescita ed acculturamento in ambito di Intelligence. Tale collaborazione potrrebbe, in prospettiva futura, rivelarsi utile per organizzare un eventuale Master di aspiranti investigatori ed operatori della sicurezza.

A tal proposito, sarebbe auspicabile promuovere da questo sito di informazione di settore, una “Road Map” riguardo i prossimi incontri che di volta in volta si terranno e prevedere un aggiornamento inerente le tematiche discusse con relativo “video-doc.”

– Marco Federico – (comunicazione@servizisegreti.com)

Il seminario ha registrato la presenza di circa 80 persone: agenti delle forze dell’ordine, avvocati ed operatori della sicurezza.

L’ incontro è durato 8 ore, ben distribuite con gli interventi degli esperti.

Francesco Polimeni, ha disquisito sulle seguenti tematiche dalle ore 16,00 alle ore 18,00:

Sorveglianza Audio

Per sorveglianza audio si intendono tutta una serie di operazioni condotte con l’ausilio di apparecchiature elettroniche atte all’intercettazione audio e telefonica, come ad esempio:

·        Microspie audio in Vhf o Uhf

·        Microspie a raggi infrarossi e laser

·        Microspie telefoniche analogiche e digitali in Uhf

·        Microspie GSM (sfruttano la rete Gsm e non hanno limiti di distanza d’ascolto)

·        Microregistratori audio (digitali o analogici)

·        Microfoni a muro (Questi sono sistemi flessibili per le situazioni che richiedono un monitoraggio istantaneo in condizioni avverse. I Suoni sono ascoltati mediante l’appoggio del trasduttore su un muro solido dell’area Target)

· Microfoni direzionali (per una distanza massimo di 25 metri, altrimenti la conversazione diventa indecifrabile)

·  Sistemi audio cablati microphone probe (microfoni miniaturizzati collegati ad un unità principale di ascolto tramite cavo)

·         Sistemi Mains Carrier (Microspia ad Onde Convogliate. Sfrutta le linee di corrente elettrica per la propagazione delle intercettazioni ottenute. Non emette infatti, alcun segnale RF nell’ambiente. Questo ne rende l’individuazione difficilissima)

Le microspie audio e telefoniche si ascoltano tramite un ricevitore dedicato o tramite un comune scanner di radiofrequenze.

Le microspie Gsm invece si possono ascoltare tramite un comune telefono.

Sorveglianza video

Per sorveglianza video si intendono tutta una serie di operazioni condotte con l’ausilio di apparecchiature elettroniche atte all’intercettazione video, come ad esempio:

· Telecamere analogiche

· Telecamere UMTS – Universal Mobile Telecommunications System – (sfruttano la trasmissione Umts di terza generazione. E’ possibile rivedere le immagini su un comune telefono cellulare)

· Microcamere in pin-hole (consente la ripresa attraverso un foro di 1 mm. di diametro ed è quindi adatto alla realizzazione di telecamere nascoste totalmente invisibili anche ad un’osservazione ravvicinata.)

· Sistemi di microcamere collegate direttamente ad un supporto di memoria flash, che permette di avere un sistema di videoregistrazione di ridotte dimensioni, occultato per esempio all’interno di una penna o di un orologio,ect.

· Sistemi di microcamere collegate ad un trasmettitore video, il quale permette di poter rivedere le immagini anche ad una distanza di decine di chilometri, sfruttando un ripetitore di segnale.

Il segnale video è possibile vederlo tramite un ricevitore video collegato ad un monitor o ad un videoregistratore.

In alcuni casi è possibile ricevere anche il segnale audio se la microcamera è provvista di microfono.

Contromisure

Per contromisure si intendono tutta una serie di operazioni condotte con l’ausilio di apparecchiature elettroniche atte alla rilevazione di segnali radio/video e non, come ad esempio:

·         Microspie audio e telefoniche

·         Microspie Gsm

·         Microcamere analogiche e UMTS a radiofrequenza

·         Microcamere cablate

·         Localizzatori satellitari

·         Sistemi cablati

·         Mains carrier onde convogliate

·         Trasmettitori ad Infrarossi

·         Analisi della linea telefonica analogica

·         Microphone probe

Sistemi anti intercettazioni (generatore di rumore bianco)

I sistemi anti intercettazioni sono degli apparati progettati contro lo spionaggio e  per la protezione delle conversazioni e le riunioni riservate. Non tutti i dispositivi di spionaggio, come ad esempio i trasmettitori audio telecomandati e registratori audio miniaturizzati, possono essere rilevati con i metodi consueti. Anche un moderno telefono cellulare può fungere da registratore audio, oppure trasmettere la conversazione a terzi ascoltatori indesiderati. Il concetto di sistema di protezione si basa sulla generazione a delle interferenze audio prodotte in modo simultaneo alle frequenze audio della voce umana. Il volume di questa interferenza è superiore a quello della voce umana; quindi un dispositivo di ascolto (microspia, registratore audio, ect.) non e’ in grado di recepire in modo chiaro il discorso appena pronunciato tra le persone presenti. Le interferenze generate non possono essere cancellate da nessun dispositivo o software utilizzato per la pulizia delle registrazioni.

Schermatura delle stanze per limitare al massimo l’emissione di onde elettromagnetiche (microspie, microfoni, trasmettitori video) verso l’esterno

La schermatura delle stanze per limitare al massimo l’emissione di onde elettromagnetiche verso l’esterno può essere effettuata in due diversi modi:

· Pannelli leggeri tipo sandwich in PVC di vari colori o in legno con internamente una lastra di  metallo come materiale schermante. Tali pannelli verranno fissati alle pareti esistenti mediante profili di alluminio.

·Tessuto schermante in vari colori a rivestimento delle pareti esistenti.

In entrambe le soluzioni le superfici vetrate sono sostituite con una struttura costituita da due lastre di plexiglass di 3 mm di spessore avente all’interno una rete schermante di dimensioni adeguate.

L’attenuazione media ottenibile con entrambe le soluzioni è di 50-60 dB, fino a frequenze nell’ordine di 1 GHz.

In alternativa della schermatura di una stanza esistente viene creata, all’interno di questa, una cabina schermata su misura completa di sistema di ventilazione e di illuminazione.

Dispositivi Jammer

I sistemi jammer sono degli apparati che inibiscono una specifica frequenza radio, solitamente nell’ambito dello spionaggio vengono utilizzati sulle frequenze (900 -1800 Mhz) per inibire:

·         Telefoni cellulari (900-1800 Mhz)

·         Microspie Gsm (900-1800 Mhz)

·         Microcamere UMTS

·         Sistemi Gps

·         Trasmettitori video (2,4 Ghz)

·         Wireless

·         Wifi e Bluetooth

· Telefoni cordless (960 Mhz)

L’effettivo raggio di azione del Jammer dipende dalla distanza della stazione radio base al jammer stesso.

www.spiare.com

WWW.CRIMINOLOGIA.ORG

Rivista telematica di criminologia clinica e psicologia investigativa.

Telematic journal of clinical criminology

One Response to Specialista nella sorveglianza e controsorveglianza elettronica…

  1. Fiorenzo Rispondi

    Settembre 29, 2010 at 1:33 pm

    un commento sulla criminology sono perone che anno un problema con l’intero gruppo di persone del pianeta che anno creato queste regole per diffendersi dalle persone che non le rispettano.
    per via della cultura o demenza.
    un saluto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *