Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La Turchia ed il suo ruolo in Europa ed in Medio Oriente…

di Marco Federico

Si sta proiettando in Europa per fare da “ponte levatoio” in Medio Oriente.

Sicuramente questo Paese, in continua evoluzione, attualmente, “vive forti tensioni con il vicino Israele” con il quale non rinnega una “strategica alleanza”.

Da una parte c’è un processo di democratizzazione, dall’altra una non tanta celata fermentazione sul territorio interno ed esterno…Istanbul capitale d’Oriente? Forse qualcuno lo sta pure ipotizzando, sarebbe interessante chiederlo al Dr. Emin Fuat Keyman, Prof. di Relazioni internazionali alla Sabanci University di Istanbul, nonchè Direttore dell’Istanbul Policy Center.  

A questo quesito chiamiamo a rispondere non solo il Professore, ma tutti gli studenti universitari e gli appassionati di “Intelligence”, nonchè cultori ed esperti di Relazioni Internazionali…

Il Dr. Daniele Scalea, se pur giovane, sicuramente ha le carte in regola per parlare di Geopolitica, ha scritto: “LA SFIDA TOTALE”. Gli esperti ritengono si tratti di un’opera di grande spessore ed aiuta a capire le varie dinamiche  geopolitiche. Certo è che sono temi complessi che richiedono ulteriore approfondimento, a tal proposito, mi vien spontaneo domandare al Dr Scalea: l’ingresso della Turchia in Europa darà maggiore forza all’Europa stessa, così da favorire la risoluzione del conflitto Israelo-Palestinese ?

 

5 Responses to La Turchia ed il suo ruolo in Europa ed in Medio Oriente…

  1. Fortitudo Rispondi

    Novembre 4, 2010 at 2:03 pm

    Certo è che con l’avanzata galoppante della Cina e l’evoluzione in atto della Russia, l’America è messa sotto assedio, ma sarà (probabilmente)qualcun’altro Paese emergente a tentare di fare scacco matto!

  2. Fortitudo Rispondi

    Novembre 4, 2010 at 3:42 pm

    La guerra fredda si riscalda sotto sembianze completamente diverse…La Russia e gli Stati Uniti si ritroveranno ancora una volta contrapposti sulle sponde dell’Europa-Mediterranea “piattaforma” dalla quale sorgerà il “nuovo mondo multipolare”. Sarebbe interessante che qualcuno ci spiegasse dov’erano gli Americani 24 anni fa, quando la Cina cominciò a salpare ed ancorarsi sul mediterraneo-europeo…

  3. margherita Rispondi

    Novembre 5, 2010 at 4:28 am

    A mio avviso, non vedo di buon occhio l’entrata della Turchia in Europa; i turchi sono ancora radicati nella mentalita` islamica, troppo lontani da noi. Certamente aspirano ad una maggiore apertura verso gli altri Paesi occidentali, ma hanno ancora molto da cambiare, riguardo al rispetto dei diritti umani per esempio, per poter interagire con la mentalita` europea. Potrebbero costituire un punto di incontro, in futuro, tra islamici ed occidentali, ma non sono ancora pronti, ne` disposti ad avvicinarsi al nostro modus operandi.

  4. Rox Rispondi

    Novembre 5, 2010 at 4:49 am

    Mio personale parere, se Pace si stabilirà, la cosa avverrà solo dopo una grande guerra (Iran + “altri” VS Israele (?)). A ricucire poi il tutto, ritengo, ci penserà il Presidente degli Stati Uniti d’America

  5. Sergio Morando da Crocefieschi Genova a Lesegno Rispondi

    Gennaio 2, 2011 at 2:24 pm

    Niente Turchia,troppo lontana dal pensiero occidentale,la storia è impregnata di un ripetersi di avvicinamento al fare simile ma simile non lo è affatto chiedete alla Grecia cosa ne pensa della Turchia ed i motivi sapranno darvi adeguate e vere risposte,Comunque sarà la Cina il futuro del pianeta seguito da India e Brasile..consoliamoci verranno come nuovi turisti a visitare l’Italia e Europa pertanto all’Italia che NON ha materie prime,NON ha energia nucleare e le aziende nostrane da tempo svendute agli stranieri non resta che ripiegare sull’unica fonte plausibile il turismo ma con conservazione adeguata dei centri storici monumenti e tutto quello che è arte antica e moderna la Turchia non ha nemmeno questo ma è differenziale di semplici pensare…vedi il perchè della battaglia di Lepanto fatta da un Italia che non era da un Europa che non era ma per quel motivo erano uniti in battaglia..
    Sergio Morando da Crocefieschi Genova a Lesegno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *