Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’uomo che vuole cambiare la Germania

di Daniel Pipes – Liberal

http://it.danielpipes.org/9030/cambiare-la-germania

Pezzo in lingua originale inglese: Germany’s Freiheit Party Joins the Fray

Una settimana fa, ovvero il 28 ottobre, a Berlino si è tenuto il congresso costitutivo e inaugurale di un nuovo partito politico tedesco, Die Freiheit (La libertà). Trovandomi nella capitale, sono stato invitato dalla leadership del movimento ad assistere (unico estraneo) alla convention per dare dei consigli sulla sua assemblea costituente.

Il presidente del Partito Freiheit, René Stadtkewitz (al centro), e altri dirigenti del partito in occasione del congresso costitutivo.

Tenendo bene a mente come le

libertà, in Europa, siano state erose in questa epoca di terrorismo islamista, occorre dire che un partito politico che si oppone all’islamizzazione e che appoggia Israele non può nascere in pieno giorno. Pertanto, come gli altri partecipanti (più di cinquanta), sono stato informato dell’ora e del luogo di questo evento solo poco prima del suo svolgimento. Per motivi di sicurezza, gli organizzatori hanno agito in segreto; la direzione dell’albergo sapeva solo che si sarebbero tenute delle elezioni per il rinnovo degli organi sociali di una innocua società commerciale. Anche ora, per motivi di sicurezza, non posso menzionare il nome dell’albergo.

Per buona parte del tempo sono state espletate le procedure prettamente legali necessarie per registrare un partito politico in Germania: le presenze sono state prese; i voti sono stati contati; le procedure organizzative illustrate; sono state enumerate le misure per presentarsi alle elezioni di Berlino che si terranno nel settembre 2011; e infine sono stati eletti i dirigenti, incluso il quarantacinquenne presidente, René Stadtkewitz. Originario della Germania dell’Est, Stadtkewitz è un ex-deputato della Cdu – il partito conservatore al potere – espulso un mese fa per aver ospitato pubblicamente il politico olandese Geert Wilders. Ritengo che la sintesi delle linee politiche del partito, così come illustrate dal neo-presidente sia stata di grande interesse, come pure la distribuzione di un Grundsatzprogramm, un documento di 71 pagine che costituisce un programma di base, e che illustra in dettaglio le posizioni del partito. Stadtkewitz ha spiegato i motivi per i quali fosse necessaria la presenza di un nuovo partito tedesco, asserendo che «i partiti, purtroppo, non sono pronti ad assumere una posizione chiara, ma piuttosto abbandonano la gente alle proprie preoccupazioni». Il programma non usa mezzi termini né è presuntuoso. La sua frase di apertura proclama che «la civiltà occidentale, per secoli un leader mondiale, affronta una crisi esistenziale». Il nuovo partito, il cui slogan è «il partito per una maggiore libertà e democrazia», parla candidamente di Islam, islamismo, legge islamica e islamizzazione.

La copertina del «programma di base» di Freiheit.

Partendo dall’idea che «l’Islam non è solo una religione, ma anche un’ideologia politica dotata di un proprio sistema giuridico», il partito chiede un esame minuzioso degli imam, delle moschee e delle scuole islamiche; un controllo delle organizzazioni islamiche per assicurare la loro conformità alle leggi tedesche, e infine condanna i tentativi di costruire una struttura giuridica parallela basata sulla shari’a. La sua analisi termina in modo incisivo così dicendo: «Ci opponiamo con tutte le nostre forze all’islamizzazione del nostro Paese». Freiheit appoggia fermamente Israele, definendolo «l’unico Stato democratico del Medio Oriente. Pertanto, esso è l’avamposto del mondo occidentale nel teatro arabo. Tutti i Paesi democratici devono mostrare il massimo interesse a garantire che Israele viva in sicurezza ed esercitando il diritto alla libera autodeterminazione. Noi ci impegniamo esplicitamente a garantire il diritto di Israele ad esistere, che è indiscutibile».

Per quanto chiari siano questi due brani, come pure il rifiuto che la Turchia entri a far parte della Ue, essi costituiscono solo il 2 per cento del Grundsatzprogramm, che applica i tradizionali valori e le linee politiche occidentali alla vita politica tedesca. Gli argomenti comprendono il popolo tedesco, la democrazia diretta, la famiglia, l’istruzione, i luoghi di lavoro, l’economia, l’energia, l’ambiente, la salute e così via. Offrire un’ampia piattaforma è di buonsenso, inserendo il programma anti-islamizzazione in un menu completo di linee politiche. Malgrado questo, naturalmente, la copertura mediatica sull’assemblea costituente ha sottolineato la posizione di Freiheit riguardo all’Islam, definendolo un “partito anti-islamico”.

La nascita di Freiheit induce a due osservazioni. Innanzitutto, se è vero che il partito rientra in uno schema di partiti europei emergenti che concentrano l’attenzione sull’Islam come punto focale della loro missione, esso però si differenzia dagli altri partiti per avere una visione più ampia. Mentre il Partito della libertà di Wilders attribuisce quasi ogni problema della società all’Islam, Freiheit, invece, oltre ad opporsi «con tutte le forze all’islamizzazione del nostro Paese», annovera molti altri spunti e temi nel suo programma. In secondo luogo, la Germania è decisamente in ritardo rispetto alla maggior parte dei Paesi europei con una numerosa popolazione musulmana nella creazione di un partito che prenda posizione contro l’islamizzazione. E questo non per mancanza di tentativi: quelli precedenti sono infatti sfumati. La fine del 2010 potrebbe essere un momento propizio per lanciare un simile partito, vista la fortissima polemica sul libro di Thilo Sarrazin che stigmatizza l’immigrazione musulmana, seguita dall’annuncio del cancelliere Angela Merkel che il multiculturalismo «ha fallito completamente». Sembra che stia avvenendo un deciso cambiamento di umore. Freiheit è stato concepito come un prioritario, serio e costruttivo tentativo di affrontare un problema estremamente complesso e a lungo termine. Se ci riuscisse, potrebbe cambiare la politica del Paese più influente d’Europa.

Argomenti correlati:  Musulmani in Europa

2 Responses to L’uomo che vuole cambiare la Germania

  1. Video Barbam Rispondi

    Novembre 5, 2010 at 7:31 am

    Il Professore Pipes è un esperto in materia di islamismo,nonchè direttore del Middle East Forum(Giornalista e Scrittore). L’articolo è veramente interessante!!

  2. margherita Rispondi

    Novembre 6, 2010 at 3:55 am

    L’uomo che vuole cambiare la Germania e` veramente un uomo molto coraggioso; come dice il prof. Pipes, autorevole esperto in materia, il processo e` molto lungo, occorre cambiare mentalita` radicate da secoli, promuovere il rispetto per tutti gli altri, comprese le donne, ed il rispetto delle altre religioni per arrivare ad una vera democrazia. Questo grande sforzo va compiuto con la parte moderata dei mussulmani, ma dubito che i fanatici possano avere un minimo di interesse al rispetto delle altre religioni e di quelli che considerano “infedeli”, cioe` tutti gli altri che non sono mussulmani.
    Il programma del nuovo partito tedesco presenta degli alti ideali, di fronte ai quali ci inchiniamo e auguriamo tutto il successo che meritano, ma il sentiero per raggiungere la vetta e` costituito da una salita ardua e scoscesa. Auguriamo grande successo a questo uomo coraggioso auspicando che i suoi ideali vengano presi in considerazione anche da tutti gli altri Stati, compresa l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *