Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

SkyMed: i quattro moschettieri dello Spazio!

di Marco Federico

Completato il poker d’assi nello Spazio: quattro satelliti con tecnologia radar (Sar) che diversamente dai satellici ottici, garantiscono una visione della terra anche in assenza di luce (notte) e in qualsiasi condizione metereologica (presenza di nubi).  
Dalla Base californiana di VANDENBERG, è stato lanciato in orbita (da sabato notte) il quarto satellite che mancava per completare la costellazione di SkyMed..

 Questo programma è stato pensato per usi civili e militari

Un programma italiano che vede coinvolti l’Agenzia spaziale italiana (Asi), il Ministero della Difesa e Finmeccanica.
I quattro satelliti setacceranno la Terra, potranno prevenire e permettere di gestire eventuali disastri ambientali come:smottamenti, maree, come quelle del Golfo del Messico e terremoti come nella regione Abruzzo, nonchè supervisionare gli oceani e rintracciare siti ombra di centrali nucleari sparse nel mondo.
Dal cielo arriveranno delle immagini classificate cosiddette “COSMO SKYMED”. Sarà il fiore all’occhiello della nostra Agenzia Spaziale Italiana.
Per i quattro “agenti speciali”, è prevista una durata che va dai 5 ai 10 anni, poi dovranno essere sostituiti, per cui sin da adesso, i politici e gli industriali, sanno che c’è da mettere mano all’agenda per trovare referenti e cospicui finanziamenti per questo primo, grande progetto mondiale italiano.

11 Responses to SkyMed: i quattro moschettieri dello Spazio!

  1. Video Barbam Rispondi

    Novembre 8, 2010 at 12:10 pm

    Questa è una gran bella risposta a chi circa un anno fa criticava ed accusava aziende propositive come la Finmeccanica.

    • Gianni Rispondi

      Novembre 18, 2011 at 3:39 am

      finmec,per usare un eufemismo,non è l’unicef.
      che al suo interno ci siano numerose teste italiane talentuose è un altro paio di maniche.

  2. xxxx Rispondi

    Febbraio 12, 2011 at 10:33 am

    Perché quattro satelliti invece di uno?

    • Gianni Rispondi

      Novembre 18, 2011 at 3:37 am

      In soldoni si chiama “costellazione”,per motivi ingegneristici non si può sempre fare l’attività richiesta con un solo satellite per motivi fisici o di prestazioni.Esempi:gps,galileo,tv satellitare,skymed,tdrss,ecc…

  3. xxxx Rispondi

    Febbraio 12, 2011 at 5:47 pm

    L’articolo che ora seguirà descrive un sistema per ingrandire le immagini, era stato pensato (l’ho ideato io) per ingrandire le immagini diagnostiche in medicina ma va benissimo anche per le immagini dei satelliti. Non é inedito ma solitamente vengo oltraggiato per queste idee, per le quali non ho mai depositato nessun brevetto (il brevetto é del primo che lo deposita).

    AUMENTARE ALL’INFINITO L’INGRANDIMENTO DELLE IMMAGINI DIAGNOSTICHE:
    Si immagini che un ecografo dia un immagine contenente in tutto 100
    pixel, ognuno dei quali raccoglie gli ultrasuoni riflessi da uno dei
    100 punti dell’organo di un paziente, ora immaginiamo che i punti
    dell’organo non siano 100 ma 200, ciò significherebbe che ogni pixel
    della nostra immagine raccoglierebbe in realtà gli ultrasuoni
    provenienti non da 1 ma da 2 punti (A e B) dell’organo. Un lieve
    spostamento orizzontale dell’ecografo farà giungere a un pixel della
    nostra immagine gli ultrasuoni provenienti dal punto A ma non dal
    punto B, poi un altro lieve spostamento in direzione opposta farà
    giungere al pixel quelli provenienti dal punto B escludendo quelli del
    punto A. Più precisamente, ogni pixel sarà sempre illuminato da due
    punti (o riceverà A + B, o se vogliamo escludere A, riceverà B+C).
    L’elaborazione (sia tra i pixel tra loro orizzontali che tra quelli
    verticali) può essere effettuata da un software. Affinché possa essere
    effettuata occorre che l’immagine ritragga almeno un pixel nero (=0)
    per ogni riga il quale si può ottenere o inquadrando una zona fuori
    dal corpo, o diminuendo l’intensità della radiazione illuminante. Le
    immagini ingrandite possono essere a loro volta elaborate per ottenere
    un immagine ancora più grande e così via all’infinito. Questa scoperta
    trova applicazioni oltre che nel campo della medicina, microscopia,
    astronomia, eccetera, é di interesse anche per gli archeologi: Si fa
    una lastra per raggi X provenienti dalla naturale radioattività del
    suolo e si aumenta il tempo di esposizione, elaborando tali immagini
    si potranno scoprire nuovi reperti archeologici. Davanti a tale lastra
    si possono anche porre delle sottili strisce di piombo orizzontali e
    verticali per far entrare solo i raggi perpendicolari evitando
    l’effetto sfocatura migliorando così la risoluzione, ma in tal modo vi
    sarebbero delle zone nella lastra non illuminate dai raggi X che
    renderebbero più complesso il procedimento di elaborazione delle
    immagini.

    ESEMPIO DI COME CALCOLARE:
    1°riga della 1°foto: 3.5 5 0.5 1 (gradazioni di
    luminosità)
    1°riga della 2°foto: 5 2.5 0 4
    Si parte a calcolare dal pixel = 0, e verso sinistra, e si fa:
    (0.5*2)-0=1;
    (2.5*2)-1=4;
    (5*2)-4=6;
    (5*2)-6=4;
    (3.5*2)-4=3.
    Otterremo: 3,4,6,4,1

    Riguardando l’esempio:
    1°riga della 1°foto: 3.5 5 0.5 1
    1°riga della 2°foto: 5 2.5 0 4
    Immagine ingrandita: 3; 4; 6; 4; 1; 0; 0; 2; 6 (e a doppia
    luminosità).

    Un esempio per meglio capire: Se un pixel dell’immagine da ingrandire
    fosse costituito da due pixel più piccoli uno acceso e l’altro spento,
    il pixel da ingrandire sarà esattamente la meta meno luminoso del
    pixel più piccolo acceso.

    • Gianni Rispondi

      Novembre 18, 2011 at 3:32 am

      Ciao,la tua idea funziona ed è buona(anche se non si può aumentare il dettaglio ad libitum) ed esiste già,è applicata sia nelle macchine fotografiche di alta gamma(hasselblad) che nei satelliti.

  4. Carlo Rispondi

    Marzo 31, 2011 at 2:05 pm

    Scusate ma credo che si riesca a spiare anche con metodi più semplici…
    ecco un esempio:

    http://www.spystoreitalia.it/spystoreitalia/

    • giunix Rispondi

      Maggio 5, 2011 at 10:40 am

      Ho acquistato un cellulare controllato qui e devo dire che sono molto soddisfatta dei risultati.
      Mi son tolta un peso…..

    • ezechiele Rispondi

      Novembre 18, 2011 at 1:16 pm

      Il bello è che quando viene creata una tecnologia, dal Potere, viene fatta usare anche ..
      La gente questo ancora non lo deve capire..
      La tecnologia illustrata è ormai diventata antiquata

  5. ernesto Rispondi

    Agosto 26, 2011 at 2:30 pm

    son convinto che sia molto uttile,mi chedo se il skymed può fornire anche immagini di animali,cose o persone in tal caso è facile una collaborazione

    • ezechiele Rispondi

      Novembre 18, 2011 at 1:19 pm

      lo spiare sta diventando una malattia sociale..Questo è un altro modo di fare politica
      Pubblicizzare lo spionaggio. La gente è felice perchè nel suo piccolo riesce a farlo anch’essa ; c’è chi spia la moglie, chi l’ amante, chi il figlio, chi il vicino di casa, chi il prete, chi il politico, chi il vigile, chi il commerciante etc ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *