Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Servizi Segreti e Missioni…

Tempo fa, esattamente il 27 dicembre 2009, il Ministro della Difesa, On. Ignazio La Russa, aveva lanciato una proposta riguardo un’ eventuale ” struttura speciale all’interno dell’Aise”, in quanto, dopo la riforma, gli agenti segreti dipendono direttamente dalla Presidenza del Consiglio ed il Ministero della Difesa, non ha alcuno 007 alle proprie dipendenze. 

Certamente, tutte le attività di spionaggio e controspionaggio, hanno il delicato compito di tutelare i nostri soldati che si trovano in varie parti del mondo per adempiere alle missione di pace, per cui, un apparato di sostegno che coadiuvi l’AISE, come auspicava il Ministro La Russa, potrebbe forse rivelarsi una carta vincente…    

Ma, questo progetto è stato accantonato o sono ancora in corso ulteriori approfondimenti e sviluppi ?

Marco Federico

9 Responses to Servizi Segreti e Missioni…

  1. Fortitudo Rispondi

    Gennaio 4, 2011 at 6:18 am

    Giusta ed opportuna la domanda, penso che sarebbe propositivo e qualificante se gli “esperti o appassionati di intelligence” rispondessero al quesito.

  2. Silendo Rispondi

    Gennaio 4, 2011 at 1:44 pm

    Italiani?… Brava gente ! 🙂
    da noi è sempre esistita la sezione del Controspionaggio
    ma non quella dello spionaggio 😉
    Scherzi apparte ritengo che a volte non so per quali motivi a qualcuno sfuggano volontariamente od involontariamente parole inerenti assetti e riassetti interni della struttura di Intelligence, ma presumo che apparte qualche notizia di puro gossip o di messaggio trasversale in attesa di un aumento di fondi per il settore, si rende necessario mantenere la massima discrezione e il massimo riserbo quando si trattano argomenti così delicati. Tempo fa esisteva anche il RIiS della Difesa (apparte i vari reparti informativi relativi ad ogni Forza Armata..), oggi qualcuno potrebbe continuare quell’attività importantissima Informativa magari sotto altre forme, metodi e nomi… Un attività essenziale e non solo utile, anzi necessaria per garantire anche la sicurezza delle missioni all’estero, ma non solo… Non so quindi quante notizie inerenti questo argomento delicato possono trapelare ed arrivare all’opinione pubblica tramite i media, piuttosto confido che proprio per l’importanza strategica di tali attività, occorre evitare di dire… troppo 😉
    Magari oggi dopo che il DIS ha preso pieni poteri si vede un po di malcontento generale, ma è un dato di fatto inevitabile che ogni riforma faccia comunque scontento qualcuno se non tutti, dato che non sempre da lassù si vede e si comprende alla perfezione cosa succede quà in basso al fine di ottimizzare i cambiamenti.

  3. Fortitudo Rispondi

    Gennaio 4, 2011 at 2:22 pm

    Si è trattato di una “boutade” e a qualcuno piaceva stuzzicare o meglio ancora sondare come sarebbe stata recepita la “battuta”. Infatti, se ricordi bene, il “soffio giornalistico” è arrivato ai piani desiderati, o no? E’ evidente che non si parlerà mai di piani strategici su questo sito, perchè si rischierebbe di fare la fine dei “pesci” belli e fritti per le “le barbe e baffi finti”.

  4. Silendo Rispondi

    Gennaio 4, 2011 at 4:46 pm

    Questo sito come tanti altri siti che trattano argomenti di Intelligence Community ed a tratti anche Osint tra le righe, è sicuramente visitato dagli addetti ai lavori, ma più che altro credo per una forma di curiosità quando non si ha nulla di melgio da fare, perche sinceramente io preferirei di gran lunga utilizzare meglio il tempo professionale andando a seguire ben altri siti web e chat in cui si nascondono bene altre tipologie di soggetti atipici o ambigui senz’altro da tenere sempre d’occhio… e oltre al controllo a spot che qualche operatore può effettuare entrando a volte anche nel vivo delle discussioni, è utile anche utilizzare appositi softwareautomatici che in tempo reale possono analizzare la semantica delle frasi in centinaia di siti contemporaneamente tirando fuori quelle parole sospette o quelle frasi ambigue degne di attenzione. Senza uscire troppo fuori tema, ritengo comunque sia che l’Intelligence svuolge un ruolo essenziale in una missione estera, e proprio per questo deve essere sostenuta anche economicamente in modo efficace. Prima l’Intelligence va in teatro per fare un sopralluogo, per determinare la situazione, poi è presente in contemporanea alla forza militare ed è parte integrante dell’intera missione anche quando questa va verso la risoluzione. L’Intelligence in pratica è la linfa vitale, gli operatori sono gli occhi e gli orecchi di quell’esercito che altrimenti sarebbe cieco e sordo di fronte ad un potenziale nemico invisibile. A differenza della cinematofragia che troppo spesso mostra i james bond di turno che prendono iniziative e decisioni personali di volta in volta, nella realtà NULLA ha inizio e fine senza un adeguata e pianificata strategia, decisa a priori nella stanza dei bottoni dove siede l’entourage decisionale, in tutta la sua catena di comando rigidamente composta. Vedo che moltissimi lettori sono appassionati dal “mestiere” dell’agente segreto, ma quando si troveranno beceramente a dover dire “Signor Si, Si Signore..” e ad eseguire anche quegli ordini che magari non condividono pienamente, capiranno che fare l’agente spesso è semplicemente essere una pedina, un soldato, una matricola che deve esclusivamente eseguire un ordine e portare a casa il risultato, senza necessariamente fare salti acrobatici pieni di adrenalina come vediamo in tv.

    La vera vita dell’agente segreto è molto simile a questa simpatica barzelletta (senza offesa per gli Amici dell’Arma !) :

    Il carabiniere e la scimmia nello spazio…
    La NASA ha deciso di far un esperimento e mandare sulla luna una scimmia e un carabiniere. Entrambi non devono fare altro che seguire le istruzioni che saranno date loro durante il viaggio. Partono per la luna. Arriva per la scimmia la prima istruzione: “attivare il motore n 5, chiudere portone 4, disattivare comando 7 ecc…”, arriva la seconda istruzione per la scimmia “attivare motore n 2, regolare livello di ossigeno…ecc”; arrivano ben 25 comunicazioni per la scimmia e neanche una per il carabiniere. Finalmente dopo un po’ arriva la sua prima istruzione:”Dare da mangiare alla scimmia e NON TOCCARE NIENTE!!!”

    • Fortitudo Rispondi

      Gennaio 4, 2011 at 5:12 pm

      Sei da solo? Perchè ho la vaga impressione che qualcuno si sia risentito e il problema è che non capisco per quale motivo.
      Ora, proviamo a capire qualcosina, tu sei quindi un “addetto ai lavori”? Perchè da come ti esprimi e “pontifichi” pare proprio di sì, ma allora, risulteresti permaloso: troppa reattività esagerata, un comportamento che non si addice…Senza offesa!!

  5. Silendo Rispondi

    Gennaio 5, 2011 at 2:14 am

    Carissimo Fortitudo, quello di leggere con superficialità senza saper dare il giusto peso alle parole è un problema di molte persone che non hanno dimestichezza nel discernere tra migliaia di vocabili messi tutti insieme quelli che hanno un valore reale da quelli che sono messi là magari solo per fare noise floor (rumore di fondo..). Nessuno si è risentito, stai tranquillo e sereno, e comunque non sono un addetto ai lavori (faccio tutt’altro..) ma sono un appassionato come te 😉 p.s. Se posso permettermi di farti un ulteriore osservazione, è preferibile che discutiamo dell’argomento in questione o non rimandiamo puntualmente le conversazioni a sterili e ridicole critiche personali 🙂
    Vedo che questa richiesta rimane spesso solo nell’aria e tutto si riduce nel battibecco, quando chi legge le cose con un aria rilassata magari è solo curioso di sapere, imparare, capire gli argomenti trattati.

    • Fortitudo Rispondi

      Gennaio 5, 2011 at 4:09 am

      Gentilissimo S.

      Mi trovi d’accordo sul fatto che ci sono molti articoli che aspettano di essere commentati e, purtroppo, ciò non viene fatto.
      Non credo che dipenda dai contenuti, ma, come dici tu, da una certa superficialità con cui si approccia questo sito che, basta visionare su: “lavorare nei servizi segreti” per realizzare che c’è molta voglia di diventare 007, ma non si coglie lo spunto per approfondite conversazioni e confronti.

      Un caro saluto

      Fortitudo

  6. Silendo Rispondi

    Gennaio 5, 2011 at 1:36 pm

    Beh, come puoi ben capire, e spero lo capiscano un po tutti i lettori, questo NON E’ uno spazio in cui vengono a scrivere agenti dei servizi segreti, ma dove persone appassionate di temi di intelligence (la cosiddetta Intelligence Community) si scambiano le loro idee ed opinioni personali prendendo spunto da articoli pubblici e a volte anche da piccole esperienze personali. Ben vengano in ogni caso esperti del settore che possono farci apprendere molte cose importanti, utili ad acquisire conoscenze di questo affascinante settore.
    Un GRAZIE infinito ovviamente va agli amministratori di questo interessante sito web.

  7. Marcello Rispondi

    Gennaio 10, 2011 at 9:03 am

    Nulla accade per caso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *