Generale Riccardo Corsi: Uomo di Stato e di libero pensiero

22 Ottobre, 2012

di Luigi Gallina

   Nella giornata del 27 agosto 2012 è mancato, all’ospedale delle Molinette di Torino, il Generale di Brigata dei Carabinieri Riccardo Corsi. Aveva 62 anni.

Prima di approdare a Torino era stato, negli anni ’90,  prima Comandante della Compagnia di Bra  e in seguito Comandante del Reparto operativo provinciale di Cuneo occupandosi di diversi casi molto delicati e importanti. Grazie alla sua dedizione al lavoro, e al continuo studio, era stato incaricato dal tribunale di Torino come esperto di balistica , tema del quale aveva scritto alcuni saggi, tra i più importanti “L’identificazione delle cartucce”.

Con le sue quattro lauree ( due in Giurisprudenza ad indirizzi diversi, Sociologia e Scienza della Sicurezza) Riccardo ha fatto della cultura una base fondamentale per la crescita professionale ed intellettuale da mettere a disposizione del prossimo.

Generale Riccardo Corsi

 Non ha mai nascosto la sua appartenenza al G.O.I. (Grande Oriente d’Italia )  e al  R.S.A.A. ( Rito Scozzese Antico ed Accettato) ricoprendo i più alti incarichi sia nella  Massoneria Piemontese che quella Romana.

Personalmente ho avuto la fortuna di conoscere Riccardo nel 2006 e da allora la nostra amicizia è stata profonda come i principi che ci hanno sempre accomunato.
Grazie a lui ho reso ancora più solidi in me i principi di Patria, Unità d’Italia, appartenenza, libertà e democrazia identificandomi nel paese in cui vivo e prendendo atto delle difficoltà questi stanno attraversando.
Le lunghe chiacchierate  e confronti ci portavano spesso ad immaginare una paese utopistico dove l’uomo con i suoi principi ed ideali potesse essere la massima espressione di quella democrazia che tante vite è costata, purtroppo oggi  dimenticate, e  che viene minata costantemente dai fatti quotidiani.
“ Uomini liberi e di sani principi” sono il futuro su cui investire diceva sempre Riccardo e mai come ora ne sono convinto.
Quante idee, progetti ( anche miei personali ) discutevamo insieme…spero di non deluderti Riccardo , sono sicuro che saresti contento di quello che sto facendo e che mi hai sempre consigliato di fare.
 “ Pensa da uomo d’azione e agisci da uomo di pensiero”.                      Ciao Riccardo!

Tags: , , ,

6 commenti per Generale Riccardo Corsi: Uomo di Stato e di libero pensiero

  1. Fortitudo on 25 Ottobre, 2012 at 7:03 am

    Avevo sentito parlare del generale Corsi, tempo fa a Fossano, mi piacerebbe saperne di più riguardo gli incarichi svolti all’interno dell’Arma…

  2. Emilio Contini on 25 Ottobre, 2012 at 3:38 pm

    Ho avuto modo di conoscere il Generale Riccardo Corsi, sfortunatamente non con la stessa frequentazione dell’amico Luigi, e mi ritengo fortunato oltre che onorato di tale incontro.
    Il Generale, si è sempre reso disponibile ad ascoltare e aperto al dialogo. Mi ha saputo aiutare con i giusti consigli e suggerimenti. Il suo ricordo sarà sempre con me.

  3. UGO on 26 Ottobre, 2012 at 1:23 am

    PER DISCREZIONE E RISPETTO DELLA LOGGIA STESSA ERA MEGLIO OMETTERE NELL’ARTICOLO LA MASSONERIA

  4. Luigi Gallina on 26 Ottobre, 2012 at 4:07 am

    Caro Ugo ho riportato semplicemente quello che hanno scritto tutti i quotidiani ( alcuni dei quali li si trovano ancora on line) a riguardo la sua appartenenza alla Massoneria. Puoi trovare anche varie recensioni di un suo libro sempre sull’argomento su google.
    Nei social network dove era iscritto ha sempre indicato la sua appartenenza alla Massoneria.
    Io personalmente non saprei dirti neppure in che loggia fosse .
    Ti ringrazio del tuo commento che ci permette di rendere sempre vivo il ricordo di una persona speciale come Riccardo.
    Luigi Gallina

  5. Fortitudo on 26 Ottobre, 2012 at 4:15 am

    Ugo, non capisco cosa c’è di offensivo nel dire che il generale Riccardo Corsi era un massone, ma soprattutto, perchè dici che bisognava omettere per rispetto della Loggia stessa? Aiutami a capire meglio il tuo pensiero…Grazie!

  6. Claudio on 27 Ottobre, 2012 at 4:08 pm

    E’ stato mio Comandante. Grande Uomo. Non capisco perché questa ritrosia a identificarlo Massone, quando per Lui era motivo di orgoglio. Onore al Sig. Generale Riccardo CORSI e che possa trovare pace nell’Oriente Eterno.