Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Servizi Segreti: l’Iran avrà armi nucleari prima del 2015 ?

Mr. Meir Dagan (ex capo del Mossad)

Sul giornale israeliano “Yedioth Ahronoth“, l’esperto dei servizi segreti Mr. Ron Bergman, afferma che Mr.Meir Dagan, negli otto anni passati alla guida del Mossad, sicuramente ha ottenuto brillanti successi che hanno ridimensionato il “Fronte radicale: Iran, Hezbollah, Jihad islamica, Siria ed Hamas.”

Di questo, il Primo Ministro Israeliano Benjamin Netanyahu, ne è consapevole, così come il Ministro della Difesa Ehud Barak che lo ha recentemente encomiato per il suo eccellente operato.

Agli inizi dell’anno 2011, Mr.Dagan, sosteneva che la  Repubblica islamica dell’Iran, non avrebbe avuto a disposizione la bomba atomica, prima del 2015, purchè non venga meno “la pressione della Comunità internazionale”.

Il 17 gennaio 2011, pare che in un briefing per gli Affari Esteri della Knesset (parlamento israeliano) e del Comitato Sicurezza, abbia riferito che gli hezbollah sono in  possesso di troppi razzi ed è fondamentale chiedere nel negoziato di pace con la Siria, il disarmo, nonchè l’annullamento del patto di difesa con l’Iran.

Certamente, Mr. Meir Dagan, continuerà ad essere una risorsa per Israele ed un punto di riferimento per l’attuale capo dei Servizi Segreti Israeliani, Mr. Tamir Pardo.    

Marco Federico

5 Responses to Servizi Segreti: l’Iran avrà armi nucleari prima del 2015 ?

  1. Video Barbam Rispondi

    Gennaio 22, 2011 at 9:27 am

    Ilan Mizrahi, pare ritenga che il programma iraniano sia andato oltre a quello che si immagina. Sarebbe un grave errore supporre che non avranno una bomba prima del 2015.

  2. meriem Rispondi

    Gennaio 30, 2011 at 10:01 pm

    Salve,l’Iran non ha mai attaccato nessuno,al contrario degli Americani,Israeliani,Anche sè otterrebbe la bomba nucleare,sarebbe la prima,mentre gli Americani ed Israeliani,HANNO TANTE TESTATE NUCLEARI!!saluti…

  3. paul Rispondi

    Luglio 18, 2011 at 1:40 pm

    e allora aspettano il 2015 per vedere se hanno azzecato la data giusta?Non posso certo io insegnare niente a nessuno,sapranno loro cosa fare,prevedo un piccolo intervento preventivo prima di tale data.O mi sbaglio?Volevo solo vedere dei gadget da agenti segreti……..

    • giuseppe Monza Rispondi

      Luglio 18, 2011 at 2:43 pm

      il nome paul mi ricorda il film sugli extraterrestri…

      il 2015 è una data politica / opinione pubblica da evento . Ormai si arrivera’ al punto che tutti gli esseri umani non avranno piu’ il ” senso ” di usare se stessi , ma sventolera’ sempre e solo la bandiera…

    • Max. Rispondi

      Luglio 19, 2011 at 9:55 pm

      Se fanno l’interventino, come auspichi, Israele non esisterà più. C’è differenza tra produrre bombe atomiche in serie e avere qualche ordigno. Da quello che ho letto l’Iran ha almeno due o tre testate atomiche acquistate dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Inoltre potrebbe averne acquistate altre dalla Corea del Nord. Oltre al fatto che potrebbero produrre delle mini testate con la tecnologia della fusione nucleare a freddo, caricando l’uranio con il deuterio, analogamente a come avviene con il palladio. Se avessero voluto attaccare l’Iran l’avrebbero già fatto, la volontà guerrafondaia non gli manca, ma sanno che non possono farlo perché l’Iran non è l’Iraq. Basta che dai un occhiata alla cartina e vedrai che anche il territorio è differente, un conto è combattere in un deserto, dove puoi sfruttare la superiorità tecnologica e un altro conto è attaccare un paese grande e impervio, con una popolazione motivata di 70/80 milioni di persone, armate fino ai denti con armi tecnologicamente avanzate, che in alcuni casi sono anche superiori a quelle occidentali. Con le coste marittime piene di missili costieri anti-nave, con dei sottomarini, con dei missili balistici anti-nave, con una discreta difesa anti-aerea, e infine con un programma missilistico che gli consente di avere nel mirino Israele e le basi militari USA nella regione. Inoltre hanno anche almeno una ventina di missili che possono colpire l’Europa modello BM-25 con gittata di 3500 km (cerca su internet). E per finire con la capacità di chiudere lo stretto di Hormuz, dove passa 1/5 del petrolio del golfo Persico. Allora vi dico io la soluzione migliore da adottare per la questione iraniana, non rompete i coglioni se non volete che ve li rompano o se preferite non fare agli altri quello che non vorreste fosse fatto a noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *