Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Servizi Segreti: “Gheddafi cala le sue scialuppe in mare…”

 

"Scialuppe in Mare"

Servizi Segreti: “Gheddafi cala le sue scialuppe in mare…”
 
Pare che sia in arrivo dal Mediterraneo un esercito di detenuti, pronti ad infiltrarsi come poveri clandestini sui barconi per raggiungere gli scogli di Lampedusa e le coste italiane.
L’ Unione Europea, non può chiudere gli occhi dinanzi a questa incresciosa situazione, nonchè, talvolta anche drammatica realtà che, man mano che passano i giorni ed i mesi, potrebbe, nostro malgrado, trasformarsi in una vera tragedia umana… Ma a questo punto, di chi è la responsabilità?
 
Marco Federico

2 Responses to Servizi Segreti: “Gheddafi cala le sue scialuppe in mare…”

  1. Matrxx oo7 "ANGELS" Rispondi

    Aprile 16, 2011 at 8:28 am

    Bene,,, Ecco qui che si inizia ha pensare al presente e futuro dal cannochiale,, questo è un buon segno, perchè vedere sempre da vicino e non più lontano potrebbe essere questa la responsabilità che viene attribuita. Pensare a tutte le probabili conseguenze, al dopo Gheddafi, sè Gheddafi non cede, sè nel frattempo altri popoli si ribellano, la situazione potrebbe crollare come migliorare, tutto gira intorno allle persone che sono al potere che decidono, al popolo che per fame si ribellano , insomma tante e poi tante altre cose. Non mi meraviglia a fatto se dei detenuti arrivino a lampedusa, cioè altro che fuori legge che sono sbarcati da noi, anzi vi dico una mia opinione secondo me possibile un 007 infiltrato nei barconi ci sia stato forse anche donna e che forse la sera prima di partire a cenato propio con il Rais, quindi poco da preoccuparsi, il livello di allerta è molto alto Lampedusa la definirei ” RED-ZONE “.

  2. Plus Rispondi

    Aprile 16, 2011 at 8:38 am

    L’europarlamentare Antonio Tajani, in un’intervista su Sky Tg 24, ha addirittura ipotizzato che sarebbero molti di più i “rifugiati politici” in arrivo a Lampedusa e Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *